Cerca nel blog

venerdì 21 febbraio 2014

Okkio alla salute


Come previsto dai dati preliminari dello studio OKkio alla salute 2012, la situazione dell'obesità infantile in Italia è lievemente migliorata. Queste sono buone notizie, anche se avremmo bisogno di ben altri cambiamenti nei numeri.
Infatti un bambino obeso sarà molto probabilmente un adulto obeso, e prima si instaura questa condizione, prima arriveranno le complicanze di salute (diabete, tumori, malattie cardiovascolari, autoimmuni, respiratorie, nefrologiche ecc ecc ecc), più dovremo prendere (e spendere per) farmaci, per non parlare di ricoveri, giornate lavorative perse, invalidità ecc.
Ecco i fattori di rischio predisponenti all'obesità infantile: etnia (anche se sembra meno importante del previsto), genitori sovrappeso, diabete gestazionale, fumo in gravidanza (come ho già detto), basso peso alla nascita, ridotta crescita in altezza durante l'infanzia. Esiste anche una predisposizione genetica all'obesità, ma, come ho scritto tempo fa, sono più importanti i fattori comportamentali. 


http://www.funnyjunk.com/funny_pictures/3774649/Obesity+is+genetic/


Come possiamo ridurre l'incidenza di questa terribile condizione?
Senza arrivare a togliere i figli ai genitori, si dovrebbe cominciare a educarli (i genitori) in modo che trasmettano sane abitudini (ai figli).
Uno studio pubblicato su Nature invita a suddividere i pasti giornalieri in porzioni più piccole, e a mantenere questa abitudine anche andando avanti con l'età. Un buon inizio.
Importantissima sicuramente rimane la prima colazione, senza la quale non si attiva il metabolismo e i grassi verranno accumulati e non ossidati.
Ma l'intervento più importante sarebbe sicuramente quello di farli muovere, magari rinunciando a qualche comodità della vita moderna. Accompagnare i figli a scuola a piedi (anziché entrare in aula con la macchina come vorrebbe fare qualcuno), non prendere l'ascensore, uscire per una passeggiata ogni tanto, sono tutti piccoli accorgimenti che possono fare la differenza.
Nel mentre, le palestre delle scuole sono inutilizzate nelle ore serali, i parchi non sono facilmente utilizzabili, mentre i videogiochi sono sempre a portata di mano. I nostri politici dovrebbero farsi promotori di questo importantissimo farmaco privo di controindicazioni. Sfortunatamente la lobby dei laureati in Scienze Motorie non ha la stessa potenza di quella farmaceutica...


http://www.someecards.com/usercards/viewcard/MjAxMi1mMTVmNWJkZDAyY2ZkM2Ri


A parte la sedentarietà, una delle principali cause, a mio parere, è la persistente e cronica disponibilità di cibo spazzatura, a causa del suo costo ormai ridicolo. Se le bibite zuccherate venissero tassate come accade per alcolici e tabacco, forse non sarebbero così disponibili. Ogni tanto sento parlare di famiglie che non bevono acqua, ma solo intrugli gassati e colorati: roba da brividi.


http://www.afuntab.com/funny-quotes-obesity/funny-quotes-about-obesity-5/



Vale il consiglio: se viene pubblicizzato in televisione, non è indicato per tuo figlio. Se il nuovo ministro delle politiche forestali facesse in modo che in televisione ci fosse la pubblicità della frutta e della verdura, forse i bambini la mangerebbero più volentieri. E sfido chiunque a mangiare così tanta frutta da ingrassare. Ma la lobby di Coldiretti non è forte come quella dello sciroppo di glucosio-fruttosio.
Quindi per mantenere il peso corretto, alimentazione corretta abbinata ad attività fisica.
E, per chi avesse qualche chilo da perdere, attenzione a non cadere nella tentazione delle finte diete alla moda!

Aggiornamento 27/4/2016

La prevalenza dell'obesità infantile non cala negli USA. Vi è necessità di politiche adeguate, a partire dal divieto di pubblicità del cibo spazzatura diretto ai bambini.

Aggiornamento 12/5/2016

Secondo nuovi studi, per la prevenzione cardiovascolare i bambini dovrebbero pesare meno di quanto ipotizzato (i famosi percentili sono troppo alti).

Aggiornamento 11/7/2016

 Tra le cause dell'obesità e delle malattie occidentali vi sono i sussidi per la produzione di certi alimenti insalubri, che così possono entrare nelle nostre tavole a prezzi relativamente stracciati: grani, mais e i loro derivati (HFCS), carni e latticini di pessima qualità.

Aggiornamento 14/7/2015

Volete far mangiare ai bambini l'insalata? usate le stesse tecniche dei fast-food: abbinatela ai supereroi.
La tassa sul junk food appare funzionare, almeno in Messico.

Aggiornamento 29/7/2016

Mangiare in famiglia più spesso si associa con minor rischio di problematiche psicosociali tra i giovani.



Aggiornamento 12/10/2016

Negli USA molti bambini senzatetto sono obesi. Questo può sembrare strano, ma la scarsa qualità del cibo, assenza di cibo fresco e precarietà della vita contribuiscono all'aumento di peso.


Aggiornamento 16/10/2016

Pessime prospettive per la salute dei bambini obesi.



Aggiornamento 6/11/2016

Niente da fare, i bambini italiani sono tra i peggiori al mondo.


Aggiornamento 11/2/2017



Una proposta che sarebbe ottima, al parlamento europeo: la limitazione della pubblicità del cibo spazzature

Aggiornamento 16/2/2017

Gli interventi col migliore rapporto costo-benefici per quanto riguarda la prevenzione dell'obesità: tassa sulle bibite gassate, rimozione dei sussidi per il cibo non salutare, mense scolastiche e soprattutto distributori con cibo sano


Aggiornamento 18/7/2017


Gli anni in sovrappeso si associano a più alta probabilità di problemi di salute, come se il grasso in eccesso fosse uno stress per l'organismo. In pratica prima si diventa sovrappeso, più salgono i rischi cardiovascolari, tumorali ecc.

Aggiornamento 3/9/2017


Avere un peso eccessivo da bambini aumenta il rischio di ictus da adulti.

Nessun commento:

Posta un commento