Cerca nel blog

giovedì 17 marzo 2016

L'importanza del sonno


Non dormire porta all'attivazione del sistema endocannabinoide, lo stesso attivato dalla marijuana, con conseguente aumento dell'appetito e alterazioni metaboliche (sindrome metabolica).
Segnalato dal prof Ludwig.

Aggiornamento 13/7/2016

I cibi consigliati dalla Cleveland Clinic per dormire: cereali integrali, proteine magre, grassi sani, camomilla, salvia e basilico come spezie.
Tra gli snack yogurt con banana e formaggi magri, in linea con quanto consigliai tempo fa. 

Aggiornamento 17/7/2016

I bambini che vanno a letto presto hanno minore rischio di sovrappeso. 
Ogni volta che leggo di queste notizie ripenso al povero somarello-collega che negava il legame tra sonno e aumento di peso. E piango pensando ai suoi poveri pazienti.

Aggiornamento 27/9/2016

I particolari legami tra dieta e sonno.

Aggiornamento 2/10/2016

In uno studio compiuto su cinesi, una colazione ricca di grassi sembra poter ridurre la fame durante la giornata, mentre una cena ricca in grassi riduce il sonno.

Aggiornamento 8/10/2016

Mezzora di pennichella pomeridiana, ma non di più, sembra ridurre i rischi metabolici (diabete e co.).

Aggiornamento 12/10/2016

Dormendo meglio e più a lungo si riducono i dolori cronici.

Aggiornamento 22/10/2016

Anche i bambini vengono danneggiati dal poco sonno.



Aggiornamento 26/10/2016

Per prevenire la morte improvvisa in culla, i neonati dovrebbero dormire nella stessa stanza dei genitori, ma non nello stesso letto, nei primi 6 mesi.

Aggiornamento 6/11/2016

Una revisione sistematica conferma l'aumento dell'appetito in chi dorme meno, non la riduzione della spesa energetica. L'effetto netto è comunque l'aumento di peso.

Aggiornamento 23/11/2016

Una supplementazione con una formula di vitamine del gruppo B riduce l'insonnia e i sintomi psicologici legati.

In un modello animale, 4 giorni di lavoro notturno sconvolgono gli equilibri ormonali dei topi, aprendo le porte ad aumento di peso e diabete, e ci vogliono 8 giorni (il doppio) per ripristinarli.



Aggiornamento 11/12/2016

Chi dorme poco è più portato ad assumere bibite zuccherate, che contenendo caffeina riducono ulteriormente il sonno. Il modo perfetto per ingrassare.

Aggiornamento 12/12/2016

I carboidrati e un buon sonno appaiono importanti per un buon sistema immunitario nello sportivo.


Aggiornamento 19/12/2016

Nelle nuove raccomandazioni per la gestione della fibromialgia, i farmaci hanno solo deboli raccomandazioni mentre crescono quelle sul sonno corretto.

Aggiornamento 27/12/2016

Come si fa a favorire l'aumento di peso nei topi? Semplicemente togliendogli il sonno, disturbandolo con dei rumori. Questa situazione causa un decremento della spesa energetica e conseguente ingrassamento. Questo capita anche ai figli delle topine che fanno una gravidanza in cui si alterano i ritmi circadiani: sono molto più esposti alle alterazioni metaboliche, di pressione, ormonali ecc.
Anche il microbiota, ovviamente, ha le sue variazioni all'interno della giornata, e se vengono alterate  facendo le notti in bianco aumenta il rischio di problemi metabolici.
Alcuni consigli per dormire meglio: no alcol, abbuffate e caffeina.


Aggiornamento 6/1/2017

La mancanza di sonno altera anche la funzionalità del sistema immunitario, predisponendo per malattie autoimmuni e infiammatorie. In pratica si abbassa durante il sonno e si "riassetta", e se manca questa fase non è in grado di funzionare bene.

Aggiornamento 12/1/2017

Perché il cibo occidentale è così attraente? Perché sovrastimola il sistema endocannabinoide, lo stesso attivato dalla marijuana. Non riusciamo quindi a dire di no al cibo che attiva gli stessi circuiti di ricompensa della droga, perdiamo il controllo e mangiamo senza avere sazietà alimenti ricchi di grasso e zuccheri ma privi di valore nutrizionale.


Aggiornamento 31/1/2017

Ulteriori conferme sul legame tra sonno e sbilanciamento immunitario.


Aggiornamento 10/2/2017

Dormire poco aumenta il rischio di sovrappeso stimolando l'appetito, ma non sembra ridurre la spesa energetica


Le apnee notturne sono un fattore di rischio per la gotta perché aumentano l'ipossia.

Aggiornamento 25/2/2017

Alcuni geni, attivati quando si sfasano i ritmi circadiani, sono legati all'invecchiamento.
Sempre più conferme sull'effetto negativo della mancanza di sonno su salute metabolica e mentale


Aggiornamento 27/2/2017

Nel modello animale, la fibra GOS e alcuni lattobacilli (rhamnosus) migliorano il sonno e lo stress

Il sonno alterato porta a problemi immunitari negli invertebrati, figurarsi nell'uomo. Si associa infatti a malattie autoimmuni, malattie neurodegenerative, infezioni ricorrenti, oltreché a sovrappeso e malattie dismetaboliche.

Aggiornamento 4/3/2017

Come mai diabete e ipertensione vanno di pari passo? Quando si alza la glicemia (e di conseguenza l'insulina) il rene trattiene più liquidi, e l'aumento di ritenzione si traduce in incremento di pressione sanguigna. I cibi che danno resistenza insulinica sono generalmente quelli industriali, ricchi di carboidrati e grassi raffinati, ma anche un eccesso proteico può determinarla

"Esiste una forte evidenza che alterare i cicli sonno-veglia porti a obesità e alterazioni metaboliche.
Sebbene dieta e attività fisica siano riconosciuti come i principali determinanti dell'aumento di peso, anche la qualità del sonno e la qualità e la tempistica dell'alimentazione sono fattori emergenti che contribuiscono ai problemi metabolici come il diabete.
Le calorie non sono tutte uguali perché il loro destino metabolico è dipendente dall'ora del pasto, e quelle introdotte nelle ore notturne sono generalmente correlate ad aumento di peso"

Aggiornamento 12/3/2017


Tutti i problemi dovuti al poco sonno e tutti i benefici di un buon sonno



Aggiornamento 14/3/2017

Un sonno disturbato riduce del 30% la sensibilità insulinica, rallentando il metabolismo e favorendo l'accumulo del grasso.



Aggiornamento 16/3/2017

Continuano le conferme sull'influenza del sonno sul metabolismo: riallineare sonno e tempistica dei pasti ha già dimostrato nel modello animale e in studi preliminari sull'uomo di migliorare peso e parametri dismetabolici (glicemia, pressione ecc).


Aggiornamento 3/4/2017

Una metanalisi chiarisce che il sonno disturbato alza il pericolo cardiovascolare.

Aggiornamento 4/4/2017

Problemi immunitari e infiammatori? Iniziate a curare il sonno e resettare l'orologio circadiano. “Il sonno dovrebbe essere considerato un pilastro della salute, insieme ad alimentazione e esercizio fisico”, ha detto Van Cauter, docente di medicina a Chicago. “E' molto importante esaminare la possibilità che ottimizzare il sonno possa essere un intervento sullo stile di vita che potrebbe avere maggior successo della restrizione dietetica o dell'esercizio fisico. E' una cosa in più che le persone possono fare.”

Aggiornamento 16/4/2017

Una sola notte passata con le luci accese (lavoratori notturni) è sufficiente ad alterare il metabolismo, anche nelle persone sane.

Aggiornamento 25/4/2017

L'attivazione del tessuto adiposo bruno è regolata anche dai ritmi circadiani. Sta emergendo che alcuni  farmaci si devono prendere a un certo orario piuttosto che a un altro.



Aggiornamento 2/5/2017

La scarsa qualità del sonno stimola l'infiammazione e aumenta la severità della fibromialgia
La differenza nella stimolazione dell'appetito post-sonno perso è molto variabile da persona a persona. Essere molto attivi nelle ore notturne potrebbe dipendere da una mutazione

I topi che mangiano fuori orario hanno alterazioni nella spesa energetica, si crea un "conflitto metabolico"

Aggiornamento 9/5/2017

I ritmi circadiani influenzano anche l'efficacia delle medicine.

Si susseguono le prove sul fatto che il sonno riposante sia un elemento fondamentale per mantenere il peso perso dopo la dieta

Il kiwi migliora il sonno in studenti affetti da insonnia


Aggiornamento 19/5/2017

Nel modello animale flora e regolazione dei ritmi circadiani interagiscono per influenzare il metabolismo.


Aggiornamento 29/5/2017

L'articolo di Authoritynutrition.com sul sonno.


"Gli studi suggeriscono che il sonno rappresenta un importante pilastro della salute metabolica, incluso il mantenimento del peso". "Tuttavia, bisogna tener presente che la nostra salute dipende da una combinazione di una varietà di fattori modificabili (ad esempio esercizio fisico, dieta, controlli regolari per la salute) e fattori non modificabili (i geni) e non solo il sonno. In altre parole la salute non beneficerà di 7 ore di sonno, come raccomandato dagli esperti, se il tuo stile di vita è un casino ".

Aggiornamento 31/5/2017

Alterare il sonno porta a un cambiamento del microbiota intestinale che spalanca le porte alle malattie.

La mancanza di sonno distrugge le capacità cerebrali.


Aggiornamento 24/6/2017

Ogni volta che perdi il sonno aumenta il tuo rischio di demenza

Aggiornamento 29/6/2017

Il sonno ridotto aumenta il rischio di morte in chi ha la sindrome metabolica.

Sonno di scarsa qualità e vitamina D bassa aumentano la probabilità di iperalgesia, ossia di percepire maggiormente i dolori articolari, in particolare in caso di malattie autoimmuni, fibromialgia ecc


Aggiornamento 11/7/2017

La mancanza di sonno aumenta il rischio di Alzheimer, favorendo la sintesi della beta-amiloide

Aggiornamento 18/7/2017


La sindrome da apnee notturne, che riguarda le persone sovrappeso, anche tramite la frammentazione del sonno, determina aumento del cortisolo e così dei valori di glicemia e trigliceridi, aumentando il rischio cardiovascolare. Anche un aumento dell'infiammazione e dell'azione del sistema simpatico può essere notata. Usare il CPAP (respiratore notturno) dà molti vantaggi a queste persone.

Aggiornamento 19/7/2017

La termogenesi è molto importante per dimagrire e arrivare ad una composizione corporea corretta: ci permette di consumare anche da fermi. Condizioni endocrine ottimali (sonno notturno, alimentazione idonea, riduzione dello stress) sono requisiti fondamentali per stimolarla.

Nel modello animale, i topi che dormono male percepiscono maggiormente il dolore

Nessun commento:

Posta un commento