Cerca nel blog

sabato 16 luglio 2016

Alcolizzato senza saperlo



La steatosi epatica è una condizione, chiamata comunemente fegato grasso, in cui si altera la funzionalità di questo organo a causa del grasso che si infiltra negli epatociti. Lo stato patologico, se non si fa nulla, può progredire fino a quello irreversibile di cirrosi.



https://it.pinterest.com/pin/476326098061101257/




In generale questo accade quando si sottopone ad uno sforzo troppo intenso e per lunghi periodi il nostro prezioso organo, deputato alla detossificazione del corpo e quindi destinato a ricevere tutte le sostanze che non sono riconosciute come necessarie e perciò bisognose di essere espulse (farmaci, pesticidi, inquinanti ambientali, ecc).

Le cause più frequenti di steatosi epatica sono quindi alcol, farmaci, eccessi alimentari costanti (zuccherofruttosio industriale), intossicazioni con sostanze chimiche (ad esempio lavoratori di certe industrie ecc), e ovviamente infezioni con virus dell'epatite.

In uno stato di steatosi epatica, il fegato non degrada l'insulina, e aumentare di peso è molto più facile, dimagrire quasi impossibile. E si accompagna uno stato infiammatorio.


Obesità e diabete sono forse peggiori dell'alcol per il fegato. Il carico di citochine proinfiammatorie rilasciato dall'eccesso di adipe è infatti deleterio per la funzionalità epatica. Questo non significa che dobbiate bere per rimanere magri però!



https://bridgb.com/tag/hepatic-steatosis/



Un'altra causa emergente di steatosi epatica è l'alterazione della flora intestinale.

Infatti alcuni dei nostri batteri e lieviti (saccaromiceti, gli stessi utilizzati per la produzione di vino e birra, e candida) che popolano l'intestino sono capaci di produrre alcol etilico.
A seconda quindi del nostro microbiota, l'alcol viene in pratica prodotto endogenamente, e, pur non introducendolo dall'esterno, il fegato è costretto a smaltirlo, producendo prima tossica acetaldeide e poi meno tossico acetato.
Alla povera persona viene così tolto ogni alcolico, segue la dieta, ma non ha grandi miglioramenti, e questo appunto perché nel suo corpo l'alcol c'è anche senza introdurlo dall'esterno, sottoponendo il fegato ad uno sforzo extra che gli impedisce di guarire.
L'alcol aumenta la produzione di estrogeni e quindi la deposizione di grasso. Il suo effetto cancerogeno è riconosciuto, soprattutto nei riguardi del tumore mammario ed epatico, ma anche in generale del tratto digerente (dalla bocca in giù).
Si stima che il 3,6% di tutti i tumori sia dovuto all'alcol: almeno 7 tipi di tumore sono legati all'alcol (fegato, bocca e laringe, pancreas, pelle, prostata, seno) anche in bevitori moderati. L'alcol dà dipendenza ed è un ottimo solvente: riesce a disciogliere famiglie, matrimoni, carriere professionali.


Per gli altri articoli sull'alcol, questi sono i collegamenti: gravidanza, drunkoressia, birra, osteoporosi, tumori, uricemia.

Aggiornamento 29/7/2016

Interessante articolo su alcolici e performance sportiva, che mette in guardia soprattutto sugli effetti catabolici (aumento della miostatina e inibizione dell'insulina).




Aggiornamento 9/10/2016

Un nuovo batterio scoperto, che sembra poter rimediare e contrastare i danni dei batteri legati all'alcol.

Aggiornamento 3/12/2016

Gli integratori che riducono la steatosi epatica.

Aggiornamento 7/1/2017

Il trattamento con omega 3 e vitamina D guarisce la steatosi epatica nei bambini. La cosa scandalosa è però che i bambini abbiano il fegato grasso. Questo è dovuto ai kg di merendine, biscotti, gelati ecc ricchi di oli vegetali, zucchero, HFCS (fruttosio), addensanti, emulsionanti ecc e dall'altra parte alla mancanza di cibi nutrienti o vita all'aria aperta.

Update 13/1/2017

Abusare di alcol porta nel modello animale ad avere più fame, facilitando l'aumento di peso

Aggiornamento 8/2/2017

Il diabete gestazionale appare un fattore di rischio per l''autismo.

Aggiornamento 18/2/2017

Tutte le calorie sono uguali, ma alcune sono più uguali delle altre (cit La fattoria degli animali) Il fruttosio ad esempio ha un tale effetto proinfiammatorio e lipogenico (stimola la sintesi dei grassi) che questa pubblicazione lo definisce "arma di distruzione di massa".


Aggiornamento 22/2/2017

La prevalenza di steatosi epatica è più che raddoppiata negli USA negli ultimi 10 anni. Grazie, fruttosio industriale.



Un eccesso di acidi grassi liberi circolanti, rilasciati dagli adipociti, sembrano legati a infiammazione e insulinoresistenza, in particolare se saturi. Questo accade se il fegato non riesce a gestire il traffico.

Aggiornamento 22/2/2017

L'assunzione di fruttosio industriale come pericolo per il fegato.
Scrivono i ricercatori:
"Nell'intestino, l'assunzione di fruttosio altera il microbiota intestinale e aumenta la traslocazione di endotossina nella circolazione portale tramite l'aumento della permeabilità. Nel fegato, il fruttosio viene rapidamente metabolizzato, consumando adenosina trifosfato, che può risultare in un aumento di adenosina monofosfato e inosina monofosfato (IMP) e la conversione di IMP in acido urico".
Questo determina l'iperuricemia anche negli adolescenti, in particolare se assumono bibite gassate e dolci.

Update  28/2/2017

L'importanza dei probiotici e di una adeguata flora nella steatosi epatica e malattie correlate.

Aggiornamento 6/3/2017

L'integrazione con serina e glicina, 2 aminoacidi, aumenta la produzione di NAD+ e glutatione nel fegato, favorendo così la guarigione dalla steatosi epatica

Aggiornamento 10/3/2017

Stretta connessione tra fegato grasso e problemi renali

Aggiornamento 16/3/2017

Avere il fegato grasso raddoppia la mortalità in caso di diabete

Update  18/3/2017

Sia l'olio di palma che quello di girasole si associano a deposizione di grasso nel fegato, nel pancreas e nell'omento. Sommate al fruttosio delle merendine facciamo la tempesta perfetta per il fegato

La S-adenosil-metionina (SaMe) ha un favorevole e sicuro impatto nelle malattie epatiche, anche se effetti a volte limitati.

Aggiornamento 21/4/2017

Una dieta ricca in proteine animali aumenta il rischio di fegato grasso in persone sovrappeso

Aggiornamento 28/4/2017

L'olio di oliva appare protettivo nei confronti del diabete. Come fa ad avere un effetto protettivo nei confronti del fegato? Grazie all'idrossitirosolo, molecola presente solo nel prodotto non raffinato. Ancora una volta dimostrata l'importanza dell'assumere i prodotti non alterati dall'industria.

Aggiornamento 2/5/2017

In caso di steatosi epatica la de novo lipogenesi (produzione di grassi nel fegato) è molto aumentata.

Alcol e stress non si mischiano per nulla bene: lo stress aumenta il bisogno di alcol e viceversa

Aggiornamento 12/5/2017

L'esposizione a HFCS (fruttosio) in gravidanza aumenta il rischio di fegato grasso e obesità nella prole


Aggiornamento 23/5/2017

La costante introduzione di alcolici facilita la crescita della candida che a sua volta peggiora i danni epatici. Questo perché la condizione di permeabilità intestinale permette la traslocazione di metaboliti infiammatori

Nelle donne una sola porzione di alcol (un bicchiere di vino) quotidianamente alza il rischio di tumore al seno. L'allarme arriva dall'American Institute for Cancer Research.
L'attività fisica si conferma ridurre il rischio.


Aggiornamento 27/5/2017

Una dieta ad alto contenuto di grassi monoinsaturi (olio d'oliva, avocado) migliora la steatosi epatica e la sensibilità insulinica meglio di una dieta ad alto contenuto di fibre.


Aggiornamento 26/6/2017

Gli interferenti endocrini sono capaci di stimolare la steatosi epatica "riprogrammando" il fegato, in pratica impedendogli di espellere i grassi che in questo modo si accumulano. Questo succede soprattutto in caso di esposizione nella vita intrauterina o nei primi mesi di vita.



Aggiornamento 10/7/2017

Anche moderate quantità di alcol (un drink al giorno) aumentano il rischio di declino cognitivo.


Aggiornamento 10/7/2017

Nel modello animale, una costante termoneutralità sopprime il sistema immunitario, aumenta la permeabilità intestinale e facilita l'instaurazione del fegato grasso, anche perché riduce il consumo energetico
https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=10155391801531950&id=193691346949

Aggiornamento 21/7/2017
11 cibi amici del fegato

Aggiornamento 24/7/2017

La carne di maiale aumenta il rischio di sclerosi multipla. Inoltre, se non ben cotta, è veicolo di specie pericolose come virus dell'epatite (E in particolare, ma aumenta il rischio generale di cirrosi) e Yersinia, una specie che aumenta il rischio di morbo di Basedow.

Aggiornamento 25/7/2017

Nello stato di insulino-resistenza, si determina la cosiddetta UPR (unfolded protein response), una condizione, anche epatica, nel quale le proteine non vengono più prodotte in modo corretto, e i grassi non vengono ossidati ma sintetizzati.
Aggiornamento 12/10/2017

Le persone con fegato grasso hanno necessità di quantità maggiori di vitamina D per scarsa risposta

Aggiornamento 20/10/2017

Ogni giorno arriva una cattiva notizia sugli antiacidi. Quella di oggi è che stimolano la crescita di un particolare batterio nell'intestino, e questo potrebbe essere legato alla steatosi epatica


Aggiornamento 21/10/2017
Risolvere la SIBO aiuta a guarire dalla steatosi epatica

Aggiornamento 25/10/2017

Sempre più legami tra SIBO e fegato, anche nei bambini
Aggiornamento 27/10/2017

Attenzione a pensare che tutto ciò che offre la natura faccia bene: in oriente molti casi di tumore epatico sono dovuti a rimedi tradizionali contenenti il naturalissimo acido aristolochico

Aggiornamento 9/11/2017

L'alcol è un pericoloso cancerogeno e distrugge le cellule cerebrali negli adulti

Aggiornamento 12/11/2017

In un modello animale, omega 3 (in questo caso a catena corta) e un probiotico misto hanno ridotto significativamente la steatosi epatica

L'importanza degli antiossidanti nella funzione epatica e in particolare nella detossificazione e lo stress ossidativo come fonte di malattia per il fegato

Aggiornamento 17/11/2017

L'infiammazione cronica è una delle cause del tumore epatico.

L'epidemia di steatosi epatica è una grave minaccia per l'uomo, e il legame col microbiota e l'infiammazione sono sempre più chiari


Aggiornamento 15/12/2017

Le info base sull'epatite

Le conclusioni di una revisione degli studi sul resveratrolo:
Dopo aver analizzato i risultati riportati che sono stati ottenuti con sovralimentazione, alimentazione normale e condizioni di alimentazione a restrizione energetica, si può affermare che il resveratrolo è utile per ridurre l'accumulo di grasso corporeo e quindi per prevenire l'obesità. Tuttavia, per ragioni etiche, questi risultati sono stati ottenuti negli animali. Al contrario, non vi è alcuna prova della sua utilità nel ridurre il grasso corporeo precedentemente accumulato. Di conseguenza, non esiste ancora un supporto scientifico per proporre il resveratrolo come nuovo strumento di trattamento anti-obesità. Tuttavia, è importante sottolineare che il resveratrolo può indurre effetti favorevoli su diverse comorbidità dell'obesità, quali l'insulino-resistenza e il fegato grasso, senza cambiamenti nell'adiposità.

Aggiornamento 12/1/2018
La steatoepatite è probabilmente la manifestazione epatica della sindrome metabolica.

Aggiornamento 17/1/2018
Alcuni supplementi di origine naturale possono aiutare nella gestione del fegato grasso
La miglior dieta in caso di colecistectomia (rimozione della sacchetta biliare) è probabilmente quella con pochi grassi.

Aggiornamento 23/1/2018

I bifidobatteri sembrano particolarmente protettivi per il fegato grasso

Aggiornamento 2/2/2018

L'alcol è indicato dallo IARC come cancerogeno certo. Fino a un quarto dei tumori sono attribuibili al consumo di alcol. Le cause sono probabilmente attribuibili al danno al DNA, alla riduzione nell'assorbimento di folati e all'aumento dell'assorbimento degli altri cancerogeni. L'AICR sconsiglia il consumo di alcol per prevenire i tumori, ma considera modeste quantità (un drink al giorno per le donne e 2 per gli uomini) protettive per il cuore. L'effetto cancerogeno dell'alcol è potenziato dal fumo.

Aggiornamento 15/2/2018

Un forte consumo di latticini sembra associato con aumentato rischio di tumore epatico. Le cause non sono chiare, ma potrebbe essere dovuto alla presenza di aflatossina B1.

Aggiornamento 22/2/2018

Si è scoperto almeno uno dei meccanismi che lega lo zucchero e in particolare il fruttosio con la deposizione di grasso viscerale (omento). Il fruttosio crea uno stato infiammatorio cellulare nell'adipocita (e nel fegato) che genera cortisolo, l'ormone dello stress, che aumenta il grasso intraaddominale, notoriamente legato al rischio di malattia. Il fruttosio da frutta non ha questa caratteristica. Possiamo anche ipotizzare che le persone stressate bramino lo zucchero per avere livelli di cortisolo più alti e rispondere così agli stress
Inoltre è un altro meccanismo per cui il grasso genera grasso: infatti più sono gli adipociti, più questo meccanismo è stimolato.




La dieta low carb può migliorare il metabolismo epatico in chi abbia steatosi (fegato grasso). Questo avviene grazie al cambiamento di microbiota, in cui aumentano le specie produttrici di folati (Streptococcus), e alla variazione dell'attivazione di alcuni geni, che favorisce l'ossidazione dei grassi e inibisce la loro sintesi.
Il fegato si svuota così del suo contenuto di grasso.

Aggiornamento 6/3/2018
Secondo una revisione degli studi la SIBO può essere un fattore di progressione della malattia epatica e non solo una conseguenza.
Aggiornamento 7/3/2018

Il colesterolo alto può essere un segno di problemi tiroidei. In caso di steatosi epatica il segnale tiroideo può non essere colto correttamente e livelli normali di ormoni non corrispondono a funzionalità corretta del fegato
Aggiornamento 13/3/2018

I bambini nati da mamme sovrappeso tendono a sviluppare il fegato grasso già nella vita intrauterina
Aggiornamento 5/4/2018

È in corso una battaglia sulla sicurezza del glifosato: alcuni ricercatori hanno pubblicato che i livelli urinari sono sopra i limiti di sicurezza, e gli viene risposto che i livelli urinari non hanno a che vedere con la pericolosità (si tratta di quello che espelliamo, non che tratteniamo) e che non c'è prova della tossicità del glifosato, in particolare epatica, ai livelli di esposizione correnti.

La controrisposta è che uno studio recente ha mostrato epatotossicità a livelli bassissimi di assunzione con alterazione degli enzimi di ossidazione dei grassi.

Aggiornamento 11/4/2018
La candidosi orale va molto d'accordo con l'alcol per favorire i tumori del cavo orale

Aggiornamento 11/4/2018
La soglia di rischio dell'alcol solitamente indicata (100 g a settimana) è probabilmente troppo alta, dosi inferiori sono comunque pericolose.
Aggiornamento 1/5/2018
La dieta paleo riduce il fegato grasso dopo 12 settimane di dieta senza restrizioni caloriche
Aggiornamento 10/5/2018
Il ruolo importante di omega 3 e 6 nella risoluzione della steatosi epatica
Aggiornamento 12/5/2018
L'alcol, si sa, è un ottimo disinfettante, purtroppo però nei forti bevitori fa fuori i batteri buoni e favorisce la crescita di quelli cattivi a livello orale. In questo modo può promuovere le malattie dei denti e altre condizioni patologiche, per esempio quelle autoimmuni. Questi i risultati di uno studio fatto su oltre 1000 americani. Anche i collutori a base alcolica sono probabilmente da evitare
Aggiornamento 17/5/2018
Nuove linee guida americane per la steatoepatite: oltre allo scontato consiglio di dimagrire e migliorare lo stile di vita, si può considerare l'integrazione con vitamina E dopo biopsia, e di omega 3 se c'è ipertrigliceridemia.
Aggiornamento 20/5/2018

L'alcol riduce la sintesi proteica muscolare bloccando mTOR, sia in acuto che in cronico, e l'effetto dura molto tempo.
Aggiornamento 15/6/2018
Le micotossine presenti nel cibo (zearalenone, ocratossine, aflatossine ecc) sono tra le prime cause di tumore epatico, e soprattutto in caso di microbiota sbilanciato.
Aggiornamento 25/6/2018
Alcuni batteri intestinali (proteobacteria soprattutto) rilasciano dei metaboliti fortemente associati con steatosi epatica
Aggiornamento 28/6/2018

Uno yogurt probiotico con B. animalis e inulina riduce la steatosi epatica
Aggiornamento 9/7/2018
La SIBO aumenta il rischio di aterosclerosi riducendo la disponibilità di vitamina K2
Aggiornamento 12/7/2018
Gli omega 3 migliorano la steatosi e la funzionalità epatica nei bambini
Aggiornamento 19/7/2018
La nutraceutica nel fegato grasso: vitamina del gruppo B, omega 3, probiotici (che riducono la permeabilità intestinale).
Aggiornamento 29/7/2018

Il fegato potrebbe essere uno dei responsabili dell'Alzheimer. Infatti nel fegato nascono i plasmalogeni, composti derivati dai trigliceridi che trasportano i grassi, e per motivi ignoti (forse il semplice invecchiamento) quest'organo non riesce più a sintetizzarli correttamente, e non inserisce i preziosi omega 3  che così non arrivano al cervello. Questo può spiegare anche perché la somministrazione di omega 3 in diversi casi non migliora la situazione.
Aggiornamento 13/8/2018
L'(ab)uso cronico di alcol agisce sul cuore alterando la funzionalità mitocondriale  e portando a stress ossidativo, oltreché aumentare la deposizione di grasso cardiaco
Aggiornamento 21/8/2018
Gli omega 3, in particolare il DHA, hanno un effetto favorevole nei confronti della steatosi epatica

La vitamina D invece  non sembra essere d'aiuto per gli indici di funzionalità epatica
Aggiornamento 27/8/2018

L'alcol, tra le altre cose, blocca l'autofagia negli epatociti, riducendo il rinnovo delle strutture cellulari e favorendo prima la steatosi e poi il tumore epatico.
Aggiornamento 3/10/2018
I simbiotici (probiotici + prebiotici) hanno effetto favorevole in caso di steatosi epatica, riducendo l'infiammazione, gli enzimi e i grassi nel sangue, e migliorando l'equilibrio glicemico.

La vitamina D può avere un buon impatto sul fegato grasso
Aggiornamento 13/10/2018
Nel modello animale estratti di cannella e uva migliorano il profilo metabolico di topi obesi, diabetici e steatosici modulando il microbiota e la permeabilità intestinale
Aggiornamento 18/10/2018
Gli omega 3, soprattutto DHA, possono essere utili nella steatosi epatica (fegato grasso), riducendo enzimi epatici e trigliceridi
Aggiornamento 28/10/2018
L'alga clorella può aiutare a perdere peso nelle persone con steatosi epatica, riducendo l'infiammazione e migliorando il profilo glicemico.
Aggiornamento 8/12/2018

Spesso si ritiene l'alcol un nutriente che non crea problemi. Ma l'alcol apporta calorie vuote, ed è un cancerogeno certo. Risulta sempre un qualcosa di troppo, e nessuno ha stabilito una soglia di alcol che non sia dannosa. Questo studio dimostra come eliminare gli alcolici possa essere una delle chiavi per il mantenimento della perdita di peso a lungo termine, soprattutto nei diabetici
Aggiornamento 23/12/2018
Le verdure a foglia, grazie alla presenza di nitrati inorganici, possono prevenire la steatosi epatica. L'effetto sembra dovuto alla migliorata efficienza mitocondriale
Aggiornamento 27/12/2018

I cereali raffinati si confermano alzare il rischio di steatosi epatica
Aggiornamento 28/12/2018
Nuove tristi notizie sull'uso a lungo termine degli inibitori di pompa (antiacidi).
Il rischio di tumore allo stomaco aumenta di 2,5 volte, e quello di infezioni batteriche in persone con ascite e cirrosi di 1,5 volte.
Aggiornamento 30/12/2018
Nel modello animale, sconvolgere i ritmi circadiani (ossia stare svegli la notte) stimola la deposizione di grasso, in particolare nel fegato, anche nei topi magri e con una dieta normale

La supplementazione con vitamina E riduce la mortalità nelle persone con steatoepatite avanzata
Aggiornamento 4/1/2019

Le persone con sindrome metabolica e steatosi epatica sono spesso affette da una condizione di endotossemia (passaggio di tossine intestinali nel circolo ematico) e hanno ridotte quantità di vitamina C nel sangue perché viene consumata dall'alterato stato redox (sistema degli antiossidanti, stress ossidativo e infiammazione) per riciclare la vitamina E.
La vitamina C protegge anche i neutrofili dalla mieloperossidasi, un enzima che aumenta lo stress ossidativo intestinale.
5-10 porzioni quotidiane tra frutta e verdura possono supplire all'aumentato fabbisogno di vitamina C.
Aggiornamento 10/1/2019
La curcumina in dosi medio-alte (1 grammo al giorno) migliora gli indici di funzionalità epatica in persone con fegato grasso
Aggiornamento 13/1/2019
Tutte le proprietà antiossidanti del tè verde, tra cui il miglioramento della funzionalità epatica nella fibrosi

Un consumo moderato di alcol, indicato come 2 porzioni al giorno, è sufficiente a indurre rimodellamenti cardiaci tali da alzare il rischio di fibrillazione atriale
Aggiornamento 23/1/2019
Che succede se dei ragazzi con fegato grasso vengono suddivisi in 2 gruppi, al primo viene data una dieta normale, e al secondo una dieta senza zucchero? Il secondo ha una riduzione degli enzimi epatici del 40% (contro il 10% del primo gruppo) e ha un miglioramento del grado di steatosi evidenziabile da risonanza magnetica
Aggiornamento 24/1/2019
La curcumina può aiutare a ridurre gli enzimi epatici nel sangue, segno di danno al fegato


Aggiornamento 2/2/2019
Gli omega 3 sono efficaci nella sindrome dell'occhio secco e nella riduzione del grasso epatico sia nell'adulto che nel bambino
Aggiornamento 17/2/2019
Il tè verde è efficace nel migliorare i parametri epatici e cardiovascolari nella steatosi epatica


Aggiornamento 7/3/2019
Nelle persone con fegato grasso, la curcumina è efficace nell'abbassare i livelli di colesterolo LDL, trigliceridi, glicemia a digiuno, indice HOMA (insulinoresistenza) peso ed enzimi  AST
Aggiornamento 9/3/2019
I cereali integrali appaiono ridurre il rischio di tumore epatico

Aggiornamento 14/3/2019

Anche un moderato uso di alcolici (1 o 2 drink al giorno) può aumentare il rischio di ipertensione
Aggiornamento 17/3/2019

Il fruttosio industriale è legato a molte malattie, dalla steatosi epatica all'ipertensione. Sfortunatamente, più se ne introduce più si stimola il rene a "recuperarlo" dal filtrato glomerulare e questo può contribuire alle patologie causate dalla dieta ricca in fruttosio

Aggiornamento 5/4/2019
In persone con problemi intestinali (in questo caso IBD, Crohn o rettocolite) si dovrebbe sempre indagare la presenza di SIBO, sovracrescita batterica dell'intestino tenue, che è una delle cause dell'alterazione e dell'infiammazione intestinale. In caso di positività il trattamento con rifaximina e/o probiotici può migliorare la malattia intestinale

Aggiornamento 2/5/2019
L'alcol in modiche quantità potrebbe aumentare l'attività del grasso bruno
Aggiornamento 16/5/2019
Le persone con  problemi epatici hanno più metaboliti del glifosato nelle urine.
Non è chiaro se si tratti di un legame causa-effetto, che comunque correlerebbe con gli studi su animali che confermano l'epatotossicità.
"I livelli crescenti [del glifosato] nelle urine delle persone sono  correlati al consumo di colture trattate con Roundup nella nostra dieta", ha detto Mills, autore principale dello studio. Ma mentre alcuni ricercatori dicono che questo studio mostra un legame tra esposizione agli erbicidi e malattie del fegato in soggetti umani, Mills ha detto che resta ancora molto lavoro da fare.

Mills ha in programma di mettere un gruppo di pazienti a dieta con solo alimenti biologici e seguirli nel corso dei prossimi mesi, esaminando come una dieta priva di residui di erbicidi possa influenzare i biomarcatori della malattia epatica.
Aggiornamento 20/5/2019
Un'altra revisione sistematica conferma che la curcumina riduce la severità della malattia epatica (steatosi) e gli enzimi che risultano alterati (AST e ALT)
Aggiornamento 7/6/2019
La "sindrome delle gambe senza riposo" (e il sonno disturbato) potrebbe essere legata a presenza di SIBO (sovracrescita batterica intestinale) e alla conseguente carenza di ferro.
Aggiornamento 9/6/2019

Il consumo di frutta secca è associato con minor rischio di steatosi epatica
Aggiornamento 24/6/2019
La leptina regola il grasso epatico (lipogenesi, trasporto all'esterno e conseguente steatosi) attraverso l'ipotalamo e la stimolazione del nervo vago.
Aggiornamento 25/6/2019
Il glifosato (sotto forma di Roundup) crea infiammazione e danno a più organi, in particolare fegato e tessuto adiposo, in 15 giorni di esposizione subacuta.


Aggiornamento 28/6/2018


Se avete una qualsiasi condizione di salute da cui non uscite, in particolare problemi intestinali (ma anche autoimmunità, malattie cardiovascolari ecc), vale la pena verificare la presenza di SIBO, una condizione in cui si ha un eccesso di batteri nel primo tratto intestinale e questo influenza negativamente tutto l'organismo. Spesso la malattia parte da un'alterata motilità intestinale che può dipendere da ipotiroidismo, uso di farmaci ecc.
Aggiornamento 1/7/2019

Che legame esiste tra microbi intestinali e tiroide?
È probabile un contributo del microbiota nell'autoimmunità tiroidea.
A causa del mimetismo molecolare, specie normalmente ritenute benefiche come Lactobacilli e Bifidobatteri possono indurre anticorpi che determinano una reazione incrociata con la tireoperossidasi e la tireoglobulina (le proteine coinvolte nella tiroidite di Hashimoto, HT).
I pazienti con Basedow o HT producono anticorpi anti-gliadina, anti-transglutaminasi e anti-lievito (Saccharomyces cerevisiae). Gli studi sull'uomo hanno riportato una maggiore abbondanza di Prevotellaceae e Pasteurellaceae nei malati, mentre Enterobacteriaceae, Veillonellaceae e Rikenellaceae erano significativamente più bassi rispetto ai controlli sani. Rispetto ai controlli sani, negli ipertiroidei sono stati riportati una diminuzione di Bifidobacteria e Lactobacillaceae e un aumento di Enterococchi.
La supplementazione con Lactobacillus reuteri ha migliorato la funzionalità tiroidea nei topi aumentando la tiroxina libera (T4), la massa tiroidea e i parametri fisiologici come il peso e la struttura della pelle.

Il microbiota inoltre influenza il metabolismo dei farmaci per la tiroide. L'efficacia della supplementazione orale di L-tiroxina attraverso il suo assorbimento nello stomaco, nel duodeno e nel digiuno da parte di diversi trasportatori può dipendere dalla misura in cui il microbiota degrada gli ormoni tiroidei tramite ossidazione. In caso di proliferazione batterica (SIBO) potrebbe essere necessario dare dosi più elevate di L-tiroxina. Nell'ipotiroidismo, dove il pH dello stomaco aumenta spesso e la motilità gastrica diminuisce, può verificarsi una riduzione della proteolisi nello stomaco e una crescita batterica eccessiva. Anche l'infezione da H. pylori può alterare il metabolismo della L-tiroxina.

Il microbiota influenza anche l'assorbimento dello iodio necessario per sintetizzare gli ormoni tiroidei.
I sali biliari influenzano il metabolismo tiroideo e il TSH, e vengono metabolizzati da diverse specie, soprattutto Clostridi.
Il selenio, un minerale importante per la tiroide, aumenta la quantità di Bacteroidetes e Bifidi.


L'uso di probiotici può facilitare l'assestamento della terapia per ipotiroidismo, ma per ora non sono indicati come terapia, il loro uso rimane solo potenziale.
Aggiornamento 22/7/2019
Omega 3 a corta catena (acido linolenico) insieme a un probiotico misto migliorano il quadro della steatosi epatica, riducendo grasso epatico e plasmatico e infiammazione
Aggiornamento 25/7/2019

Una causa sottovalutata di steatosi epatica (fegato grasso) è la disbiosi, spesso anche con sibo. La somministrazione di probiotici e prebiotici appositi è in grado di migliorare il quadro clinico istologico, con miglioramento dei livelli sierici di ALT, AST, colesterolo totale, HDL, LDL, trigliceridi e TNF-α (infiammazione). In particolare consigliati VSL3 e FOS
Aggiornamento 5/8/2019

L'infografica di JAMA sul fegato grasso

Aggiornamento 10/8/2019

L'epatologo vi ha mai invitato a considerare il microbiota intestinale in caso di steatosi epatica (fegato grasso)?
Eppure ci sono molti collegamenti.
La colina è un nutriente fondamentale per il fegato. La sua carenza riduce la fuoriuscita dei grassi dal fegato, che così rimangono all'interno determinando steatosi. Se la flora non è corretta, la colina, pur introdotta con l'alimentazione (o magari carente), viene trasformata in altre sostanze (TMAO), tra l'altro correlate con le malattie cardiovascolari.
Inoltre la colina è fondamentale per le membrane mitocondriali, e la sua carenza porta a stress ossidativo.
In certe condizioni E. coli, un normale abitante dell'intestino, produce acetaldeide (che diventa alcol) dai carboidrati, con tutte le conseguenze del caso per intestino (permeabilità), fegato, sistema immunitario e infiammazione sistemica.
Aggiornamento 11/8/2019
Il fluoro negli adolescenti può ridurre la funzione epatica e renale

Aggiornamento 12/8/2019

L'uso dei probiotici nel paziente pediatrico.
L. rhamnosus GG e S. boulardi sono efficaci nella diarrea.
L. reuteri DSM 17938 migliora le coliche del lattante.
LGG e VSL#3 sono efficaci nella sindrome dell'intestino irritabile.
Risultati incoraggianti sono arrivati nella prevenzione delle allergie (LGG) e nella gestione della steatosi epatica con i probiotici misti.
Non sono consigliabili attualmente nella stitichezza.
Aggiornamento 23/8/2019

La sindrome da auto-fermentazione vi permette di produrvi il vostro alcol
Aggiornamento 30/8/2019

Normalmente gli studi di tossicità sui residui di pesticidi vengono fatti su una sola molecola, e poco si sa del cosiddetto "multiresiduo".
In questo studio sono stati presi in considerazione 6 tra i più diffusi pesticidi, tutti al di sotto dei limiti di legge, e i topi che li assumevano ingrassavano di più, avevano fegato grasso e problemi di glicemia.

Aggiornamento 31/8/2019

Lactobacillus rhamnosus GG, uno dei probiotici più studiati, può proteggere dalla steatosi epatica riducendo l'assorbimento intestinale di grassi.
L'accumulo del grasso epatico è gestito dall'innervazione simpatica, e recidere il nervo porta il fegato a ridurre il suo contenuto lipidico
Aggiornamento 5/9/2019

Esiste la cosiddetta "TASH", steatoepatite associata alla esposizione a sostanze tossiche, che colpisce soprattutto i lavoratori. In questo caso si tratta di una malattia a 2 "hit" (colpi): le sostanze tossiche compromettono il fegato alterando il metabolismo e la dieta errata completa il quadro
Aggiornamento 15/9/2019

Un probiotico misto (Vivomixx) migliora la steatosi epatica, gli enzimi epatici (ALT) e l'infiammazione
Aggiornamento 19/9/2019
Se volete ubriacarvi senza bere, potete aumentare la vostra abbondanza di Klebsiella pneumoniae, un batterio capace di produrre alcol all'interno del nostro corpo e responsabile della sindrome da autofermentazione. Pare che questo batterio sia responsabile del 60% delle steatosi epatiche in un gruppo di cinesi. Vale la pena considerare il microbiota quando si soffre di fegato grasso.
I batteri che producono alcol nel nostro intestino lo fanno fermentando i carboidrati. I ricercatori hanno fatto notare che il batterio K. pneumoniae induce stress mitocondriale (cioè riduzione del metabolismo e produzione di radicali liberi) e l'alcol può raggiungere una concentrazione di 400mg/L di sangue, corrispondenti a 15 bicchierini di whisky.
Aggiornamento 28/9/2019

La permeabilità intestinale alterata è stata osservata nelle malattie intestinali (IBS e IBD), steatoepatite non alcolica (NASH), cirrosi epatica, pancreatite acuta, colangite biliare primaria (PBC), diabete di tipo 1 e di tipo 2, malattia renale cronica, insufficienza cardiaca cronica (CHF), depressione ecc
"L'aumento della permeabilità intestinale è un nuovo obiettivo per la prevenzione e la terapia delle malattie. Considerando la stretta relazione tra "intestino permeabile" e disbiosi intestinale con le principali malattie, possiamo concludere che gli approcci dietetici e probiotici meticolosi per il recupero del microbiota sano hanno il potenziale per la gestione delle malattie connesse".

Aggiornamento 30/9/2019
Il traffico alterato di lipidi che porta alla steatosi epatica è modulato dall'alimentazione e dall'alterata secrezione ed efficacia dell'insulina.
Aggiornamento 7/10/2019
Il fruttosio è tossico per i mitocondri, soprattutto nell'ambito di una dieta ad alto contenuto di grassi (guarda caso entrambi gli ingredienti sono contenuti nel cibo spazzatura).

Il fruttosio modifica il metabolismo dei mitocondri e le loro proteine, riducendo le capacità ossidative e aumentando la sintesi di grassi, e "questo potrebbe contribuire all'associazione dell'elevata assunzione di fruttosio con lo sviluppo dell'obesità e delle sue complicanze metaboliche".
Secondo una revisione sistematica, i probiotici possono aiutare a ridurre il peso, migliorare la funzionalità epatica, ridurre i livelli plasmatici di lipidi e glucosio, alleviare l'infiammazione e ridurre l'infiltrazione di grasso nel fegato di persone con steatosi epatica. "Il trattamento con probiotici è un metodo terapeutico promettente per la NAFLD".
Aggiornamento 11/11/2019

Il microbiota è cambiato durante i secoli, a causa dei cambiamenti di alimentazione, stili di vita, industrializzazione, igiene, farmaci.
Così cambiano anche le sue funzioni e la loro efficacia/efficienza: digestione, accumulo di calorie (sotto forma di grasso), sazietà, produzione di vitamine, benessere psicologico, sviluppo dei tessuti, detossificazione, infiammazione, permeabilità intestinale, colonizzazione dei patogeni, produzione di grassi a catena corta.
Aggiornamento 21/11/2019
"L'interruzione cronica delle dinamiche circadiane (alterare i rtimi sonno-veglia e il ciclo naturale della luce) provoca l'accumulo di un carico allostatico (allontanamento dall'omeostasi), ossia una diminuzione della capacità di resistenza ai fattori di stress e lo sviluppo di malattie sistemiche croniche. Infine, suggeriamo che gli approcci cronoterapici (riallineare i ritmi al normale ciclo sonno-veglia) possono comportare il ripristino dei meccanismi adattativi allostatici e il ripristino della resilienza allo stress fisiologico".
In pratica, prima che sia troppo tardi, bisogna imparare a dormire la notte, e questo può aiutare le condizioni metaboliche legate con l'alterazione dei ritmi circadiani, come diabete, steatosi, aumento di peso ecc.

La dieta mediterranea è efficace nella steatosi epatica (NAFLD), in particolare "può migliorare le misure antropometriche, il profilo lipidico, i parametri glicemici, gli enzimi epatici e gli indici di gravità della NAFLD".
Aggiornamento 4/12/2019
Il riconoscimento dell'importanza del microbiota intestinale nella steatosi epatica, per la quale sostanzialmente non esistono farmaci, è crescente, e l'uso di probiotici e simbiotici è un approccio promettente, mediante riduzione delle transaminasi e delle citochine infiammatorie. A fronte di un profilo di sicurezza alto è comunque prudente intraprendere altri studi
Aggiornamento 12/12/2019
La curcumina può aiutare a ridurre la circonferenza addominale (WC) e il grasso viscerale in persone con steatosi epatica (NAFLD). "Sono stati proposti diversi meccanismi per gli effetti delle diete antiinfiammatorie e dei loro ingredienti come la curcumina sull'obesità e sulla WC, inclusa l'inibizione della lipogenesi e dell'infiammazione (riduzione delle citochine proinfiammatorie), la soppressione dell'angiogenesi, nel tessuto adiposo: downregolazione della differenziazione dei preadipociti, aumento della lipolisi, maggiore differenziazione in tessuto adiposo bruno, aumento del metabolismo energetico degli adipociti e dell'apoptosi; aumento dei livelli sierici di nesfatina, che aumentano la sazietà, ed effetti simil-probiotici". Viene inoltre inibito l'enzima che produce il cortisolo, che aumenta l'adiposità viscerale.

Aggiornamento 17/12/2019
Nei topi uno dei probiotici più conosciuti, LGG, migliora il danno epatico da alcol ribilanciando la flora che viene alterata dall'alcol. In generale sono efficaci nella steatosi epatica
Aggiornamento 22/12/2019
Varie specie di Lattobacilli prevengono l'assorbimento delle tossine fungine aflatossina B1 e zearalenone [due potenti micotossine, presenti per esempio nei cereali e nella frutta secca], nonché metalli pesanti (anche E. coli col cadmio), legando lo xenobiotico alla superficie batterica. Inoltre modulano la permeabilità intestinale riducendo la quantità di sostanze che entrano nel circolo.
Aggiornamento 26/12/2019
La curcumina si conferma capace di migliorare la funzionalità epatica in persone con steatosi. Migliorano inoltre il colesterolo, il profilo glicemico, la circonferenza addominale
Aggiornamento 28/12/2019
Il glifosato a dosi ADI (dose quotidiana accettabile) porta a steatosi epatica e alterazioni della flora intestinale nei ratti
Aggiornamento 23/1/2020

I polifenoli, i composti organici che spesso chiamiamo antiossidanti come resveratrolo, catechine del tè, acido ellagico ecc, nutrono il microbiota, consentendo il mantenimento dei giusti batteri (lattobacilli, bifidi, Akkermansia muciniphilaF. prausnitzii ecc) e riducono la presenza di batteri cattivi, ma soprattutto consentono la formazione di uno strato di muco che impedisce il passaggio nel sangue di LPS, metabolita batterico responsabile di infiammazione, diabete, steatosi epatica. Infatti "i soggetti obesi mostrano spesso un aumento dei batteri del phylum dei Firmicutes, che è associato ad un maggiore assorbimento di energia dal cibo e ad un aumento dell'infiammazione di basso grado", mentre "Akkermansia muciniphila, una specie aumentata dai polifenoli, è correlata all'aumento delle cellule L, la fonte di GLP-1 e GLP-2 (ormoni che abbassano la glicemia). A. muciniphila è anche inversamente collegato all'accumulo di grasso viscerale, alla dimensione degli adipociti nel tessuto adiposo sottocutaneo e ai livelli di glucosio nel plasma a digiuno nell'uomo obeso.

Aggiornamento 27/1/2020
Le persone con steatosi epatica possono beneficiare della vitamina E. Questo probabilmente perché il fegato grasso "sequestra" nelle gocciole lipidiche questa vitamina, lasciando spazio libero alle specie ossidanti (ROS), con conseguente infiammazione, epatite, fibrosi fino alla cirrosi
Aggiornamento 31/1/2020
Esiste un'interazione reciproca tra intestino, immunità, microbiota e vitamina D. In particolare la vitamina D stimola l'espressione delle alfa-difensine da parte delle cellule di Paneth e mantiene le giunzioni intestinali strette (riducendo la permeabilità intestinale). Così sta emergendo l'ipotesi secondo cui la carenza di vitamina D può compromettere l'immunità innata intestinale riducendo le defensine delle cellule di Paneth, portando a traslocazione batterica, endotossemia, infiammazione sistemica, insulino-resistenza e steatosi epatica.
"Gli studi sugli animali dimostrano che la carenza di Vitamina D o difetti nella sua segnalazione (trasduzione) compromettono l'immunità innata, portando alla disbiosi intestinale e all'infiammazione sistemica di basso grado, una fattore chiave per l'insulino-resistenza e i disordini metabolici. Sta anche emergendo che l'integrazione di vitamina D migliora la sindrome metabolica, sebbene l'impatto sulla malattia epatica (NAFLD) non sia noto".
Aggiornamento 5/2/2020

La creatina aumenta la biogenesi di mitocondri (la cui carenza/malfunzionamento sono legati a molte malattie, specie dell'invecchiamento) se abbinata all'allenamento, e così studi futuri potranno "esplorare il potenziale della supplementazione di creatina nel miglioramento delle malattie mitocondriali, tra cui epilessia, miopatie scheletriche e cardiache, epatopatie e nefropatie".
Aggiornamento 27/2/2020
Secondo le linee guida sulle intossicazioni da farmaci, la carnitina può essere usata per l'epatotossicità del valproato, il NAC per il paracetamolo.
Il NAC può essere utile anche nella steatoepatite da alcol
I BCAA sono utili nel coma/encefalopatia epatico/a, così come le vitamine del gruppo B (6, 9, 12) e la D. Attenzione a malnutrizione e sarcopenia.

Per i calcoli biliari, la dieta con frutta e verdura, e in particolare frutta oleosa, è protettiva. Una dieta troppo ipolipidica può favorire la formazione. La vitamina C è importante. Gli omega 3 proteggono dalla formazione dei calcoli in caso di dimagrimento. Evitare la curcumina
Aggiornamento 20/3/2020
Si parla spesso del legame tra ingestione di carboidrati, in particolare fruttosio, e sintesi dei grassi endogena.

Il consumo di grandi quantità di fruttosio (esempio: bibita zuccherata) attiva la de novo lipogenesi (DNL, sintesi dei grassi) grazie all'acetato. "Un doppio meccanismo può spiegare il più alto potenziale lipogenico del fruttosio rispetto al glucosio, almeno nel contesto del consumo di zucchero ad alte dosi, in quanto l'intestino tenue assorbe rapidamente anche grandi carichi di glucosio, mentre il fruttosio raggiunge il microbiota intestinale, che genera acetato. Se ingerito più gradualmente, il fruttosio può stimolare la DNL in modo ACLY-dipendente (ATP citrato liasi dipendente, enzima attivato dai carboidrati, che genera acetilCoa, base di partenza per i grassi e il colesterolo). Tuttavia, anche l'acetato di altre fonti è facilmente disponibile per il fegato, il che rende ACLY disponibile per DNL anche quando il fruttosio viene gradualmente consumato. L'acetato è probabilmente insufficiente per innescare un aumento di DNL in assenza del segnale lipogenico derivato dallo zucchero. Pertanto, sarà importante definire come il fruttosio interagisce con fonti alimentari di acetato come etanolo e fibre fermentabili. I dati attuali mostrano un'interazione precedentemente non apprezzata tra la dieta, il microbioma intestinale e il metabolismo degli organi che contribuisce alla steatosi epatica indotta dal fruttosio." In pratica sembra che lo zucchero abbia un ruolo chiave per la sintesi endogena dei grassi (e il loro accumulo nel fegato).
Aggiornamento 24/3/2020
La carnitina riduce alcuni marker di insulinoresistenza ed enzimi epatici nella steatosi epatica
Aggiornamento 28/3/2020
La SIBO è spesso presente nelle persone con cirrosi e può essere gestita con probiotici e antibiotici.

Aggiornamento 20/4/2020
I metaboliti batterici come responsabili della steatosi e del malfunzionamento del fegato
Aggiornamento 29/4/2020

Alcune persone sane vengono divise in 2 gruppi. Alcune assumono muffin con olio di palma, ricco in grassi saturi, altre con olio di girasole, ricco in PUFA omega 6. In entrambi viene dato un surplus calorico, in modo da favorire l'aumento di peso. Entrambi gli oli erano di tipo raffinato. Nel primo gruppo è aumentato particolarmente il grasso ectopico, quello viscerale e che troviamo nel fegato, e associato con malattie infiammatorie, mentre nel secondo è aumentata la muscolatura, come se il corpo avesse dissipato le calorie in più costruendo muscoli. Probabilmente i grassi saturi hanno indotto maggiore lipogenesi (sintesi di grassi), anche grazie all'interazione col fruttosio. Inoltre i PUFA sono ossidati più facilmente dai mitocondri
Aggiornamento 3/5/2020
L'alcol in gravidanza è dannoso perché, tra le altre cose (riduzione di BDNF e infiammazione), riduce la quantità di DHA (omega 3) che arriva al cervello, impedendogli di maturare correttamente. Fermo restando che in gravidanza (e possibilmente allattamento) non si deve assumere alcol, la somministrazione di DHA potrebbe ridurre i danni
Aggiornamento 6/5/2020
Nei topi la stevia migliora la steatosi epatica, forse influenzando il microbiota
Aggiornamento 22/5/2020

Le calorie sono tutte uguali? mentre questo può essere vero genericamente a livello di persone normali, non lo è sicuramente nel caso patologico. La steatosi epatica è una condizione di accumulo di grasso nel fegato, tessuto che normalmente ne ha in minima quantità. Non esistono trattamenti farmacologici approvati per questa condizione, tipica del sovrappeso e del diabete. La dieta chetogenica, così come la dieta lowcarb, migliorano questa condizione e possono così essere considerate alla stregua di un farmaco. "La convinzione comune che aumentare l'assunzione di grassi nella dieta porta inevitabilmente al fegato grasso e previene la perdita di massa grassa è stata recentemente smentita da un esperimento elegante, dimostrando che una dieta ad alto contenuto di grassi e normocalorica inibisce la de novo lipogenesis (sintesi dei grassi endogena) e induce l'ossidazione degli acidi grassi, portando a perdita di peso e riduzione del contenuto di grasso epatico". Al contrario, una dieta ipercalorica bilanciata (cioè sia con carboidrati che grassi) riduce l'ossidazione intraepatica dei grassi e aumenta la lipogenesi a partire principalmente dai carboidrati e non dai substrati lipidici, portando allo sviluppo della steatosi. Questi effetti sono dovuti principalmente ai livelli di insulina, spinti soprattutto dall'introduzione di carboidrati, che controllano l'ossidazione dei grassi, come ci insegnano al secondo anno di università.