Cerca nel blog

giovedì 28 gennaio 2016

Linee guida di che?


"L'incapacità delle attuali raccomandazioni nel controllare l'epidemia di diabete, il fallimento delle diete povere di grassi usate prevalentemente contro obesità e rischio cardiovascolare, la presenza di alcuni gravi effetti collaterali dei farmaci diabetici comunemente prescritti, contro il continuo successo delle diete a basso contenuto di carboidrati nel trattamento del diabete e della sindrome metabolica, senza effetti collaterali significativi, evidenziano la necessità di una rivalutazione delle linee guida dietetiche"



Il trattamento low-carb è disponibile nel mio studio

Aggiornamento 27/5/2016

"Da decenni le linee guida non sono basate sulla scienza", e per curare il diabete bisogna evitare i carboidrati, non i grassi. Non tutti concordano, stranamente. Un medico fa chiarezza sul perché a molti non piacciono le diete low-carb: semplicemente non le conoscono.


Aggiornamento 22/3/2017


Secondo una nuova revisione, i multivitaminici e multiminerali sono sicuri quando non si supera il dosaggio di riferimento. Non sembrano dare benefici in persone sane, snelle, con stile di vita adeguato, non fumatori e che assumano abbastanza frutta e verdura. Nelle persone con problemi di salute vi è invece un potenziale razionale nell'assumerli


Aggiornamento 27/3/2017

Cosa dicono le linee guida per l'obesità degli endocrinologi americani sull'alimentazione? L'obesità è dovuta tra le altre cose, ad una dieta povera in nutrienti (e non solo all'eccesso calorico). Chi ha i trigliceridi alti deve ridurre in particolare i carboidrati e non i grassi. Gli zuccheri e le fonti di carboidrati raffinati dovrebbero essere minimizzati. I grassi trans (si formano negli oli vegetali riscaldati) dovrebbero essere eliminati. La supplementazione con omega 3 purificati è utile per abbassare i trigliceridi. Le opzioni dietetiche sono diverse: Mediterranea, DASH, low-carb, low-fat, high protein, chetogenica, vegetariana, e tutte possono dare buoni risultati.


Aggiornamento 30/3/2017


"L'evidenza scientifica che un'unica dieta sia buona per tutti ("one diet fits all") è scarsa. L'obesità è un disordine multifattoriale che richiede una personalizzazione dell'intervento"

Aggiornamento 23/7/2017


Come si fa a ridurre il rischio di anemia, basso peso alla nascita, arresto della crescita e in generale delle malattie non contagiose (diabete, obesità ecc)? Basterebbe che le donne incentrassero la loro alimentazione su cibi ricchi in nutrienti e non processati.



Aggiornamento 17/10/2017

Il vantaggio dei farmaci per i tumori appare incerto.


Aggiornamento 29/10/2017
Sono utili i farmaci contro l'obesità?

"l'applicazione farmacologica dei farmaci contro l'obesità continua ad essere un'arte, data la diversità nella risposta individuale a questi farmaci, nonostante una perdita media di peso statisticamente significativa maggiore del 5% (rispetto al solo trattamento di cambio di stile di vita) riportata negli studi clinici"


Aggiornamento 13/11/2017

Una critica pubblicata su BMJ alle linee guida americane sulla nutrizione: non verrebbero rispettati i criteri di evidenza

Nessun commento:

Posta un commento