Cerca nel blog

mercoledì 15 gennaio 2014

Sicurezza dei dolcificanti


Ho visto qualcuno molto felice perché l'aspartame è stato dichiarato sicuro dall'EFSA. Sono riusciti a scrivere persino che è composto da due amminoacidi legati insieme, che vengono semplicemente scissi dai nostri enzimi digestivi. Una molecola super innocua praticamente. Dimenticando che i due aminoacidi in questione sono legati anche ad una molecola di metanolo, senza il quale non sarebbe aspartame ma semplicemente un dipeptide senza sapore.


http://www.naturalnews.com/041766_aspartame_gm_bacteria_patent.html



Chi ha qualche anno in più potrebbe ricordare lo scandalo del vino al metanolo, che tanti danni ha fatto.
Semplicemente l'ingestione di aspartame porta alla liberazione di metanolo nell'organismo e il suo effetto tossicologico è lo stesso del metanolo. I nostri enzimi sono in grado di degradare questa sostanza, tutto dipende dalle quantità ingerite.
Non è il caso di correre il rischio, semplicemente perché i test tossicologici vengono fatti su ratti che vivono al massimo 3 anni, mentre l'essere umano ha un arco di vita quasi 30 volte più lungo, e spesso quello che capita in terza età è dovuto a come ci si è comportati in precedenza.


http://12160.info/photo/aspartame-roaches-ants-won-t-eat-it



Comunque questi sono alcuni esperimenti con modelli animali che ho trovato in letteratura scientifica: l'aspartame incrementa lo stress ossidativo cerebrale e riduce la memoria, riduce le difese antiossidanti del cervello e del fegato, induce danni genotossici (cioè al DNA), induce il tumore del fegato e del polmone, del seno e del sistema emopoietico. Alcuni problemi cerebrali (apoplessia, emicrania, insonnia) vengono attribuiti all'alterazione nel rilascio di catecolamine (adrenalina, noradrenalina, dopamina). Viene evidenziata pure la possibilità di alterazioni dell'apprendimento e della sfera emotiva.
Questi studi non vengono ritenuti sufficienti a dimostrare l'effetto negativo perché l'uomo non arriverebbe facilmente alle quantità proposte negli esperimenti. Io lo eviterei comunque per precauzione.
Chi fosse amante dell'inglese, può vedere questo videodocumentario dove il dottor Mercola spiega, un po' come fece Report, la storia dell'approvazione dell'aspartame e i suoi effetti nocivi documentati.




Tralasciando comunque il (non trascurabile) dato tossicologico, l'aspartame (così come la saccarina) fa ingrassare, nel modello animale, più dello zucchero (già abbastanza dannoso) anche se le calorie consumate sono le stesse. Non a caso i pastoni per i maiali sono addizionati di aspartame proprio per indurli a ingrassare più in fretta. Gli autori dello studio ipotizzano una riduzione della spesa energetica e una ritenzione di liquidi come causa. Questo ci fa capire come:

  1. non serva sostituire lo zucchero, bisogna semplicemente gustare i cibi al sapore naturale
  2. le calorie introdotte non siano necessariamente legate con l'aumento di peso
  3. questi trucchetti abbiano vita breve e non abbiano mai fatto dmagrire nessuno

Andando a verificare altri effetti dei dolcificanti sintetici in generale, gli studi dimostrano che: il sucralosio aumenta la glicemia e l'insulinemia, pur non avendo zucchero, e non è un composto inerte come si pensava (non viene solo rilasciato nelle urine come tale ma produce dei metaboliti); saccarina e acesulfsame inibiscono la lipolisi (cioè il rilascio di acidi grassi dagli adipociti) e favoriscono l'adipogenesi (aumentano il numero di cellule grasse), quindi predisponendo per l'aumento di peso, e, più dell'aspartame, inducono danni genotossici.


http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2892765/
L'immagine mostra come all'aumentare dell'offerta di edulcoranti artificiali e di prodotti che li contengono l'obesità sia solo aumentata. Ormai è evidente che "disaccoppiare" il sapore dolce dall'introduzione di calorie non fa altro che aumentare la fame e il "craving" (desiderio) per i cibi dolci con l'attivazione delle vie mesolimbiche, le stesse che causano la dipendenza dalla droga e da qualunque altra cosa (gioco d'azzardo, shopping ecc), anche se gli studi prospettici non danno indicazioni conclusive sull'aumento di peso.


http://www.sparkpeople.com/resource/funnies-cartoon.asp?id=319










2 commenti:

  1. Esistono gomme da masticare senza aspartame?

    RispondiElimina
  2. almeno per le gomme da masticare possiamo contare sullo xilitolo, zucchero anticarie che non dovrebbe creare problemi, se intendi anche senza calorie, se non è aspartame sarà qualcos'altro il cui effetto sarà sempre ignoto a lungo termine!

    RispondiElimina