Cerca nel blog

mercoledì 7 agosto 2013

Piano col latte!


Il bravo dottor Oz propone 2 versioni più sane della pizza: una vegetariana, ricca di vegetali, e una con carne di pollo, per chi non vuole rinunciare a qualche proteina in più.
In comune soprattutto l'impasto fatto con farina integrale e i formaggi magri.




Continuo a sostenere che i cibi light non servano a dimagrire né a ridurre il rischio cardiovascolare, soprattutto se la sostituzione dei grassi è effettuata con zuccheri come spesso avviene. Così come i dolcificanti artificiali sono probabilmente peggio di quelli naturali.
Tuttavia importanti linee guida come quelle americane, continuano a invitare a consumare i latticini sgrassati. 

Le metanalisi, cioè le analisi sistematiche che comprendono più analisi, sono contradditorie tra di loro: alcune supportano i latticini come coadiuvanti della perdita di peso e sostengono che non facciano ingrassare, in particolare se contengono i grassi, altri invece negano l'effetto, in particolare a lungo termine.
Nei ragazzi l'eccesso di latticini può essere correlato con l'aumento di peso.
Le riviste sono tutte di ottimo livello.
Come segnala il Fattaccio, l'Università Harvard (e non di Harvard) consiglia non più di una porzione di latticini al giorno, suggerendo come fonti di calcio alimenti alternativi vegetali a foglia verde, fagioli e cibi arricchiti a base di soia.

Un fattore per me preoccupante è che il grasso dei latticini è uno dei maggiori veicoli di diossine nell'alimentazione, accumulandosi facilmente nei lipidi lungo la catena alimentare. E l'inquinamento, con i suoi interferenti endocrini, può facilitare l'aumento di peso.

http://www.vunie.com/page/739/

I latticini vengono spesso consigliati per prevenire l'osteoporosi. Ma il miglio modo per evitare questa condizione non è ingozzarsi di calcio di per sé, ma assumere sufficienti quantità di vitamina D e proteine, abbinate ad una sana attività fisica!


http://www.maibinefructe.ro/laptele-nu-este-sanatos/

Aggiornamento 11/10/2016

Una dieta ricca in grassi saturi, tipici di latticini e carne, aumenta l'aggressività del tumore prostatico.


Aggiornamento 3/11/2016


Una nuova metanalisi sui latticini conclude che: il consumo totale non sembra aumentare il rischio generale di tumore, ma consumarne pochi lo riduce. Inoltre si conferma un aumento lineare del rischio di cancro prostatico: all'aumentare del consumo di latticini cresce il rischio e l'aggressività del tumore.
Il latte fa così bene ai bambini che secondo le nuove linee guida ufficiali non dovrebbe essere introdotto prima del primo anno di età.


Aggiornamento 24/12/2016



Come si fa a ridurre del 70% le cadute (e quindi le fratture) in un gruppo di anziani ospedalizzati? Supplementando con vitamina D ed esercizio fisico, anche a bassa intensità.
A parità di calorie, sostituire i grassi del latte (prevalentemente saturi) con carboidrati da cereali integrali e grassi polinsaturi riduce il rischio cardiovascolare, sia di infarto che di ictus. Questi i risultati di uno studio condotto su oltre 200 mila persone.

Aggiornamento 15/1/2017

Lo stretto legame tra latticini, uova e artrite reumatoide.


Aggiornamento 1/2/2017

Alcuni, tra cui purtroppo anche persone laureate, continuano a pensare che il diabete giovanile (e le altre malattie autoimmuni) sia un castigo divino e non sia dovuto a fattori ambientali. Uno dei probabili fattori è il latte vaccino. Allora perché non tutti quelli che lo assumono si ammalano? Perché è necessaria una predisposizione genetica, epigenetica e una particolare flora intestinale. Basta evitare il latte per prevenire la malattia? No, perché è una malattia complessa che è dovuta a molteplici fattori. Tutti dovrebbero evitare il latte? No, in persone sane, senza predisposizioni particolari un consumo moderato può non avere conseguenze negative. Il latte è necessario per crescere forti e sani? No, lo si può essere anche senza questo alimento.



Aggiornamento 13/2/2017

Ottimo articolo referenziato del dott Hyman sulla mancanza di prove dei benefici del latte.

Aggiornamento 17/2/2017


Si continua a dimostrare che i latticini riducono la sopravvivenza in chi ha tumore prostatico. Le cause possono essere sia calcio e fosforo, che riducono la vitamina D disponibile, sia l'aumento di IGF-1, sia i grassi saturi.


Aggiornamento 26/2/2017


Il galattosio, zucchero presente nel latte, aumenta lo stress ossidativo ed è la probabile causa degli effetti negativi del latte sullo stato infiammatorio, con le sue conseguenze (osteoporosi, tumori, malattie cardiovascolari, aumento della mortalità). Questi effetti vengono mitigati da una dieta ricca in frutta e verdura, ricche di antiossidanti, e sono minori se non assenti nei latticini fermentati (che contengono poco galattosio)

Il latte e alcuni formaggi aumentano il rischio di tumore estrogeno sensibile al seno, mentre lo yogurt lo riduce. Nello stesso studio il consumo totale di latticini riduce il rischio.


Aggiornamento 9/3/2017


Cosa si guadagna a togliere i latticini dalla propria dieta


Aggiornamento 11/3/2017


I latticini sono utili nel prevenire l'osteoporosi? Solo se abbinati a vitamina D, di cui non sono una buona fonte


Aggiornamento 13/3/2017


Anche New Scientist conferma: non esistono evidenze scientifiche per bere latte. La protezione dall'osteoporosi si ha con una dieta sana in generale e il movimento. I prodotti fermentati (formaggi e yogurt) invece, hanno potenziali effetti benefici perché non hanno grandi quantità di lattosio


Aggiornamento 23/4/2017

Il 75% delle persone al mondo non possiede la lattasi in età adulta, ossia l'enzima che digerisce lo zucchero del latte.

Authoritynutrition.com ci propone i sostituti per i latticini



Aggiornamento 23/6/2017

Marion Nestle, docente di nutrizione, chiarisce che  "il latte è il cibo ideale, ma per i vitelli". "Non c'è dubbio su questo.
Ma per gli esseri umani, potrebbe non esserlo, e può non essere necessario, e ci sono molte prove che non sia necessario".

Insomma non abbiamo bisogno assoluto del latte per vivere. Le alternative sono più che sane. Il principale problema sono le industrie che fanno opposizione, per interessi economici, alla vera informazione.


Aggiornamento 10/7/2017

Arriva finalmente il documento CRA-NUT a firma Ghiselli e soci, finanziato dai produttori di latte (che però ci tengono a precisare che non hanno influito). Ci tengono a precisare che il latte fa bene, 2 porzioni al giorno da 125ml (mezza tazza...) più una di formaggio.
Finalmente hanno capito anche loro che aumenta i tumori alla prostata e che alza l'IGF-1, anche se considerano solo il buono di questo (crescita staturale, ma purtroppo anche dei tumori).

Dimenticano ovviamente di dire che questi sono effetti rivolti alle persone sane e che non esiste nessuna prova sul fatto che persone con malattia abbiano vantaggio dall'assunzione di latticini, ma va bene, errare è umano.



Aggiornamento 11/7/2017

Secondo una revisione degli studi i latticini nell'infanzia aiutano la mineralizzazione dell'osso grazie ai loro nutrienti

Aggiornamento 30/10/2017

il consumo di latte si associa in uno studio al declino cognitivo. Questo è forse dovuto al galattosio, che viene usato anche nei modelli animali per indurre neurodegenerazione.

Aggiornamento 13/11/2017

La dieta priva di latticini ha migliorato in un trial l'acne inversa (idrosadenite suppurativa) nell'83% delle persone, senza alcun effetto collaterale o peggioramento di alcuno

In un altro trial più piccolo (12 persone con IgG positive ai lieviti), escludere frumento e lievito ha portato a enorme miglioramento, e la malattia ritornava in caso di reintroduzione dei cibi anche involontaria.

Nessun commento:

Posta un commento