Cerca nel blog

mercoledì 10 febbraio 2021

NAC: interessanti prospettive

 

Il NAC (N-acetilcisteina) è un aminoacido sintetico, ma presente anche in alcuni vegetali come le cipolle, ed è precursore del glutatione, il principale antiossidante intracellulare, importante per ridurre lo stress ossidativo nelle cellule, permetterle di funzionare bene, e sostenere la detossificazione epatica e non. Riduce così lo stato infiammatorio e aumenta la disponibilità di ossido nitrico, un mediatore di svariate funzioni. È noto il suo uso come mucolitico e nelle intossicazioni da paracetamolo.

La somministrazione di NAC può essere quindi utile in tutte le malattie a carattere infiammatorio e di sbilanciamento Redox, come sindrome metabolica, iperomocisteinemia, dolori articolari, problemi respiratori.

Nei modelli animali ha dimostrato un effetto prebiotico, ossia riesce a migliorare la flora buona (bifidi, lattobacilli, Akkermansia, ecc.), riducendo in questo modo ugualmente stress ossidativo e infiammazione. In questo modo si riducono le alterazioni metaboliche (glicemia, trigliceridi ecc.)


https://www.pinterest.co.uk/pin/641903753111152660/


 I suoi effetti antivirali e antinfiammatori sono sotto osservazione come adiuvanti nella cura del COVID

Consultate sempre un esperto prima di assumerla.

Aggiornamento 23/3/2021

L'N-acetilcisteina, precursore del glutatione, può essere utile in una rara condizione ereditaria, Angiopatia amiloide ereditaria da cistatina C, che porta a microinfarti, con conseguenti demenza, paralisi e morte nei giovani affetti. La deposizione di cistatina è ridotta dall'integrazione

Aggiornamento 8/6/2021

Il NAC potrebbe dare problemi alle donne con allergia per la sua interazione con l'istamina.


Aggiornamento 20/6/2021

Il metabolismo della vitamina D e il suo recettore sono influenzati dal glutatione, il principale antiossidante intracellulare. Questo significa che anche livelli corretti di vitamina D possono essere inefficaci in caso di stress ossidativo, e che aumentare i livelli di glutatione può essere efficace per ottimizzare gli effetti della vitamina D, particolarmente nelle persone sovrappeso.

Aggiornamento 30/6/2021

Un mix di attivatori metabolici mitocondriali riduce il recupero nella COVID19 media/moderata di 3,5 giorni. La miscela (CMA) include serina, N-acetil-cisteina, nicotinammide riboside e l-carnitina, e lo studio ha incluso oltre 300 persone.
"Molti pazienti COVID-19 sono a rischio di esiti dannosi a causa di risposte infiammatorie sistemiche denominate tempesta di citochine, una condizione pericolosa per la vita che dipende dai processi a valle che portano a stress ossidativo, disregolazione dell'omeostasi del ferro, ipercoagulabilità e trombocitopenia.
Lo studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza della CMA [...] e abbiamo osservato che la terapia combinata è sicura e benefica nei pazienti con COVID-19 da lieve a moderato. La nostra analisi ha mostrato che la somministrazione di CMA è un trattamento efficace e sicuro per i pazienti COVID-19".

Aggiornamento 5/9/2021

Secondo una revisione sistematica, il NAC (N-acetilcisteina) è utile nella gestione dell'acne.
Infatti stimola la produzione di glutatione, principale antiossidante cellulare, che detossifica dai radicali liberi, ROS che hanno effetto infiammatorio. Viene così ridotta la produzione dei messaggeri dell'infiammazione (citochine come TNFα). Inoltre ha effetti antibatterici con alcuni batteri sia intestinali che cutanei associati con disbiosi e i brufoli, come E. coliS. epidermidisPseudomonas, e Klebsiella, ed è capace di contrastare i biofilm di P. acnes
L'effetto antiproliferativo migliora le funzioni dei cheratinociti, tra cui l'azione di barriera.
Migliora il quadro ormonale nella PCOS (ovaio policistico), spesso associata all'acne.
Favorisce la guarigione delle lesioni cutanee.